#6- La sostenibilità è sostenibile? Intervista ad Ada Rosa Balzan

Su Spotify il sesto episodio del podcast De Buris – Il Lusso del tempo.

La sesta traccia sonora è l’imbottigliamento.

Tommasi Family Estates, realtà che include il progetto culturale e vitivinicolo De Buris, possiede circa 780 ettari vitati.
La Groletta, il vigneto dove nasce l’Amarone Riserva De Buris, ha appena registrato la prima vendemmia certificata bio.
L’obiettivo non si limita al raggiungimento della sostenibilità ambientale, ma include anche la tutela delle persone e dei valori che rendono Tommasi una Famiglia.

Ascolta su Spotify

Quando si parla di sostenibilità ci si concentra molto e forse troppo sull’ambiente. In realtà sono altrettanto importanti i comportamenti sociali. Il viaggio nel tempo di De Buris prosegue con un focus sulle tematiche ESG: ambiente, società e governance. Spiegati per davvero.

Profilo

Ada Rosa Balzan

Da oltre vent’anni è impegnata nel mondo della sostenibilità con numerosi progetti.
Fu tra le prime in Italia a redigere una tesi di ricerca in sociologia dell’ambiente sul turismo sostenibile e, insieme ad un team di esperti, ha sviluppato il primo algoritmo di misurazione della sostenibilità integrale basato su strumenti internazionalmente riconosciuti.
Inoltre, Ada Rosa Balzan ricopre incarichi di coordinamento scientifico e docenza per varie università e business School, tra cui l’università Cattolica, la Business school del Sole 24ore, Fondazione Cuoa e partecipa come membro a diverse Commissioni Uni per la creazione delle prossime nuove norme ISO, nei gruppi di sostenibilità di Confindustria, al Sustainable investment forum a Parigi, e alle Conferenze mondiali sul clima.
Infine, è responsabile nazionale per i progetti di sostenibilità in Federturismo Confindustria.


#5- Il segreto del successo di un buon investimento. Intervista a Leonardo Rigo.

Su Spotify il quinto episodio del podcast De Buris – Il Lusso del tempo.

La quinta traccia sonora è l’elevazione in botte.

Non basta una buona vendemmia per avere del buon vino.
L’elevazione in botte è quella fase in cui il vino soggiorna in botte. La lenta evoluzione ne eleva le caratteristiche organolettiche, portandolo a maturazione.

Ascolta su Spotify

Proprio come per un buon investimento, per fare un ottimo vino servono tempo e dedizione, prontezza, precisione e un esperto di cui fidarsi.
Per De Buris l’esperto è l’enologo Giancarlo Tommasi, ospite della prima puntata de “Il lusso del tempo”, per gli investimenti parliamo invece con Leonardo Rigo, direttore di Banca Aletti, e protagonista di questo episodio.

Profilo

Leonardo Rigo

Una lunga carriera nel mondo bancario, iniziata nel 1990 in Banca Popolare di Verona, dove ha iniziato a ricoprire ruoli di crescente responsabilità.
Nel 2021 è diventato Direttore Generale di Banca Aletti.
Il suo arrivo ha rafforzato le azioni di rinnovamento, sviluppo e specializzazione dell’offerta bancaria.

 

Banca Aletti

Società del Gruppo Banco BPM e storica società attiva nel risparmio gestito dal 1826. Aletti ha assunto il ruolo di banca private e centro di investimento del Gruppo, diventando un punto di riferimento nel settore del risparmio gestito italiano.


#4- Il lungo percorso verso l’inclusione. Intervista a Francesca Natali

Su Spotify il quarto episodio del podcast De Buris – Il Lusso del tempo.

La quarta traccia sonora è La vinificazione.

Per vinificazione si intende il processo di trasformazione dal mosto al vino.
Quel processo tanto delicato quanto atteso che ci permette finalmente di ottenere il vino.
Negli episodi del podcast abbiamo più volte sottolineato i vari aspetti del tempo inteso come periodo di trasformazione.

Ascolta su Spotify

In questo momento storico, il concetto di trasformazione è di difficile definizione.
Proviamo a sostituirlo con il termine cambiamento, che ci riguarda anche a livello sociale, per cui la necessità di trasformazione può essere sostituita con due termini: inclusione e diversità.

Ne abbiamo parlato con Francesca Natali, Inclusion & Belonging Manager di Golden Goose.

Profilo

Francesca Natali.

Amante della cultura e impegnata per l’inclusione sociale.
Ha lavorato per organizzazioni internazionali e ha iniziato la sua carriera come Corporate D&I experience e Diversity & Inclusion Advisor in BNL BNP Paribas a Roma.
Ha esplorato diversi settori e ruoli, da HR, CSR e Comunicazione, ed oggi è Diversity, Inclusion and Belonging Manager in Golden Goose.

Golden Goose.

«Non vendiamo solo sneakers», racconta Silvio Campara, CEO di Golden Goose, «noi vendiamo tutti i ricordi che si creano camminando nelle nostre scarpe. Oggi indosso questo paio, le ho da ben quattordici anni. Perchè le tengo? Perché ho vissuto talmente tante avventure che non posso più considerarle un semplice capo d’abbigliamento, sono diventate parte della mia storia»


#3- É tempo di cambiare. Intervista al metereologo Luca Mercalli

Su Spotify il terzo episodio del podcast De Buris – Il Lusso del tempo.

La terza traccia sonora è La Pausa. L’Appassimento, una delle fasi più delicate e fondamentali nel procedimento della produzione dell’Amarone.
Affinché l’Appassimento proceda nel migliore dei modi e l’uva raggiunga la condizione perfetta per la pigiatura, è necessario che ci sai freddo. Ma fa ancora veramente freddo?
Il cambiamento climatico è sempre più al centro della nostra quotidianità. Ma spesso ci sono più parole che fatti.
Il meteorologo Luca Mercalli racconta come si trasformeranno i territori nei prossimi anni.
I vigneti? Si spingono sempre più in alto sulle montagne

Ascolta su Spotify

Da inizio anno ha piovuto pochissimo, c’è stato vento, ma i maglioni pesanti li abbiamo abbandonati in fondo all’armadio già da un po’. Quello passato è stato un febbraio senza dubbio particolare. Quattro anni fa nello stesso questo periodo la neve paralizzava i binari fermando la corsa di parecchi treni. Quest’anno invece la siccità ci sta mettendo di fronte a un evidente cambiamento climatico. L’ultima volta che la sorgente del Po era diventata un letto di pietre era il 2017. Anche quest’anno ci siamo vicini. Pensate che anche sui rilievi lombardi manca il 70% del manto nevoso, su quelli veneti qualcosa di meno. Sulle Dolomiti a gennaio si sono toccati +1,2 gradi, mentre l’anticiclone, la massa d’aria calda, che staziona sull’Europa devia le piogge al Sud e sulle isole, come abbiamo potuto vedere dagli acquazzoni. Entro fine mese per evitare una crisi idrica sarebbero dovuti cadere 180 millimetri di pioggia.

Cos’è successo al meteo in questi ultimi dieci anni?

Giulia Taviani Tommasi ha intervistato Luca Mercalli, metereologo

Profilo

Luca Mercalli (Torino, 1966), climatologo, master in scienze della montagna all’Université de Savoie-Mont-Blanc, direttore della rivista Nimbus, presiede la Società Meteorologica Italiana, associazione nazionale fondata nel 1865. Si occupa di ricerca su climi e ghiacciai alpini, insegna sostenibilità ambientale in scuole e università in Italia (Università di Torino-SSST), Svizzera e Francia e la pratica in prima persona, vivendo in una casa a energia solare, coltivando l’orto e viaggiando in auto elettrica. E’ consulente dell’Unione Europea e consigliere scientifico di ISPRA-Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Per RAI ha lavorato a “Che tempo che fa”, “Scala Mercalli” e “TGMontagne” e Rainews24. Editorialista per Il Fatto Quotidiano, ha al suo attivo migliaia di articoli e oltre 2500 conferenze. Tra i suoi libri: Prepariamoci (Chiarelettere), Il mio orto tra cielo e terra (Aboca), Non c’è più tempo (Einaudi), Il clima che cambia (BUR), Salire in montagna (Einaudi) e il libro per bambini Uffa che caldo (ElectaKids).


#2- Il sapore del successo. Intervista al cacciatore di teste Niccolò Calabresi

É on line su Spotify il secondo episodio del podcast De Buris – Il Lusso del tempo.

Questo secondo episodio parte dalla traccia sonora registrata, che descrive L’Accordo, l’Abbinamento.
Non abbiamo voluto intervistare un grande chef, che suggerisse il piatto perfetto per De Buris, ma piuttosto valutare “l’abbinamento” da un punto di vista insolito e accendere la discussione sul lavoro; quali siano le caratteristiche che le grandi aziende ricercano, quali siano le prospettive dei giovani, come siano in evoluzione le tendenze.

Ascolta su Spotify

Nel corso della vita ci troviamo a dover scegliere una quantità infinita di cose.
Cosa mettersi per uscire, cosa mangiare per pranzo, se con il pesce sta meglio il bianco o le bollicine, che percorso scolastico prendere per avere un bel lavoro.
E avere le idee chiare non sempre serve, anzi.  Tutto cambia, perfino il tempo.
Cambiano gli stili, cambia la musica.
Nascono nuovi vini, e perfino nuovi lavori.
Avete presente il motivetto “oggi si studia un lavoro che ancora non esiste”?

Giulia Taviani Tommasi ha intervistato Niccolò Calabresi, amministratore delegato dell’azienda Heidrick & Struggles, leader nella consulenza del lavoro di alto livello, a cui ha chiesto com’è cambiato il mercato del lavoro e qualche interessante suggerimento.

Profilo
Niccolò Calabresi è partner e uno dei responsabile Heidrick & Struggles Italia,e cluster leader per il Sud Europa.

È membro dell’ Industriali Healthcare & Life Sciences, Consumer Markets e Supply Chain & Operations Officers, specializzato in ricerche di top management che vanno da direttore generale, CIO, chief supply chain e procurement officer, direttori vendite e marketing, risorse umane e direttori nei settori dei consumatori, dei trasporti, dell’energia, dell’ automotive, dell’ingegneria e delle costruzioni e delle scienze della vita.

Esperienze
Prima di entrare in Heidrick & Struggles, Niccolò ha lavorato per una società di ricerca esecutiva come associato all’interno della pratica industriale. Ha iniziato la sua carriera come ricercatore associato nella divisione di middle management.


#1 - Ti ho aspettato 10 anni. Intervista al papà di De Buris, Giancarlo Tommasi

É on line su Spotify il primo episodio del podcast De Buris – Il Lusso del tempo.

Il progetto dell’amarone De Buris nasce dalla volontà di migliorarsi giorno per giorno.
Giancarlo Tommasi, enologo che si definisce “tecnico romantico” e membro della famiglia, racconta il suo percorso alla scoperta dell’amore per il vino e per il tempo. Al quale, dice, bisognerebbe prestare maggiore attenzione.
La passione? Necessaria, da affiancare a una regola sacra: c’è sempre qualcosa da imparare.

Ascolta su Spotify

Giancarlo Tommasi – Enologo
Un forte senso di appartenenza al territorio di origine mi spingono a valorizzare il patrimonio vitivinicolo di ogni singola area produttiva con scelte incentrate sul terroir e sulla vinificazione. Rispetto al massimo la tradizione, ma ritengo debba essere esaltata da vini moderni, che possano incontrare il gusto di consumatori sempre più esigenti.

Marito di Francesca, padre di Lodovica ed Elia, Giancarlo coltiva la passione per diversi sport e, cosa fondamentale, è un paziente pescatore.
Costanza, sensibilità, tenacia: sono questi i valori che Giancarlo applica in cantina esattamente come lungo i fiumi.

La cura di ogni aspetto dell’attività produttiva indica bene il pensiero e il metodo di lavoro di Giancarlo Tommasi: dallo studio dei terreni e delle esposizioni, per passare alla scelta del migliore sistema di impianto in base alle caratteristiche del luogo e degli obiettivi.
Fin dal suo ingresso in azienda ha promosso scelte agronomiche green sia nel trattamento delle vigne (per le concimazioni, i diradamenti, le potature, il diserbo e l’irrigazione) sia in fase di vendemmia, ad esempio tramite cernita manuale e raccolta notturna.
Lo stesso avviene in fase di vinificazione, dove preferisce limitare al massimo gli interventi meccanici per privilegiare il più possibile quelli naturali.

In affinamento predilige le botti grandi di rovere di Slavonia che danno maggiore possibilità di evoluzione al vino. Una scelta che rientra bene nella “filosofia del tempo” di Giancarlo, perché queste botti rispettano il vino, lasciando che il prodotto maturi nel modo più tranquillo.


Il Solo - La Degustazione Prima Traccia | The Wine Record

Il Solo – La Degustazione

Il microfono si immerge lentamente in un flusso di denso raccoglimento: eccovi scandito il capolavoro finale di anni dettati da intenso impegno e acceso ardore. Goccia dopo goccia, l’armonia del tempo viene servita, grazie al talento di un’annata cui tintinnio rivela il dono di una contemporaneità senza precedenti. Il battito vitale arpeggia dilatando il momento, in una coda di note che si prolunga gioiosamente in una sequenza senza fine: lì dove non raggiunge l’ascolto, basta semplicemente un sorso. 

Ascolta su Spotify

Giacomo Ceschi, sound designer e artista veronese, ha trasformato i dati della colonna meteo posizionata nella parcella De Buris del vigneto La Groletta in musica, permettendo così all’Amarone De Buris 2010 poter essere ascoltato oltreché degustato.
Ma cos’è esattamente un sound designer?
Ce lo racconta lui stesso nell’Ouverture de “Il lusso del tempo”, il podcast De Buris, curato da Giulia Taviani Tommasi, giornalista e voce della quinta generazione Tommasi.


#Ouverture - Potere del Sound design. Il vino diventa musica. Intervista a Giacomo Ceschi

Giacomo Ceschi, sound designer e artista veronese, ha trasformato i dati della colonna meteo posizionata nella parcella De Buris del vigneto La Groletta in musica, permettendo così all’Amarone De Buris 2010 poter essere ascoltato oltreché degustato.
Ma cos’è esattamente un sound designer?
Ce lo racconta lui stesso nell’Ouverture de “Il lusso del tempo”, il podcast De Buris, curato da Giulia Taviani Tommasi, giornalista e voce della quinta generazione Tommasi.

Ascolta su Spotify

Giacomo Ceschi – Artista Sound Designer
Il filo rosso che lega Giacomo alla musica è la sua continua e profonda indagine verso la prima essenza del suono: dopo aver frequentato il corso di musica elettronica presso il conservatorio “Arrigo Pedrollo” di Vicenza, porta avanti la sua visione attraverso live performance, field recording e installazioni interattive. Direttore artistico del Path Festival di Verona, Giacomo viaggia nell’universo della sonorità armonizzando raziocinio e sperimentazione, in un risultato che muta attraverso il tempo, lo spazio e il mezzo.

#TheWineRecord è il primo concept album dove il vino diventa musica.
Giacomo Ceschi ha composto 8 tracce musicali, che uniscono i suoni del ciclo produttivo del vino alla traduzione sonora dei dati metereologici dell’annata 2010, creando così sonorità singolari e inedite.
Le note che ascoltiamo e le note che riecheggiano al palato suonano all’unisono, De Buris 2010 diventa così un’esperienza nuova, estremamente intima e piacevole.
Il suono del Tempo è servito.


Annata 2009

De Buris 2009
AMARONE DELLA VALPOLICELLA CLASSICO DOC RISERVA
Corvina 65% Corvinone 24% rondinella 5% oseleta 6%

Germogliamento 2 aprile. Fioritura 22 maggio. Allegagione 1 giugno. Invaiatura 10 agosto.

L’andamento stagionale del 2009 è stato caratterizzato da un autunno e un inverno piuttosto rigidi, con abbondanti precipitazioni. La temperatura media di marzo, leggermente più alta della media, ha causato un anticipato. Lo sviluppo vegetativo è proseguito velocemente nei mesi primaverili e la stagione è proseguita all’insegna del bel tempo. Il mese di settembre ha registrato ottime escursioni termiche fra il giorno e la notte, garantendo un adeguato accumulo di metaboliti secondari, necessari all’innalzamento della qualità finale dell’uva, e un periodo vendemmiale ottimo.

VIGNETO
La Groletta, comune di Sant’Ambrogio di Valpolicella: estensione totale 10 ettari, selezione delle uve nella parcella di 1,9 ettari e da circa 0.50 ha del cru La Groletta altitudine 300 metri sopra il livello del mare esposizione sud ovest, i vigneti si affacciano sul lago di Garda.

Caratteristiche del terreno:
argilloso e calcareo, di medio impasto con medio scheletro ph 7-7,5.
terreno con scarsa copertura vegetale, povero di materia organica e ricco di calcare, potassio e calcio, e con basse concentrazioni di magnesio e ferro.
Sistema di allevamento guyot con una densità di impianto di 6500 ceppi per ettaro
età media delle vigne 30 anni, resa per ettaro 60 quintali per ettaro con resa al 40% in vino

VENDEMMIA E APPASSIMENTO
Selezione manuale dei migliori grappoli a partire dal 10 settembre, che sono stati posti in cassette da 7 kg ciascuna e successivamente deposti singolarmente su graticci di bambù per l’appassimento. Le uve sono state lasciate essiccare per 110 giorni nel fruttaio dedicato, dove un sistema di ventilazione mantiene un flusso d’aria costante ed una bassa percentuale di umidità.

VINIFICAZIONE, AFFINAMENTO
Dopo un’ulteriore cernita delle uve al termine dell’appassimento,
a gennaio è stata effettuata la pigiatura, seguita da una breve criomacerazione per 10 giorni circa. la fermentazione è avvenuta lentamente per 30 giorni in tini di rovere, utilizzando esclusivamente lieviti indigeni. la fermentazione malolattica è stata effettuata una volta durante il primo anno di invecchiamento in botti di rovere di Slavonia. Il vino ha proseguito l’affinamento per 5 anni nelle botti di rovere da 15/30hl dell’antica cantina di Villa De Buris, dove ha proseguito il riposo in bottiglia.

NOTE DI DEGUSTAZIONE
Colore rosso rubino, vivace e profondo: al naso è teso e finissimo, con aromi di amarene e ciliegia scura, che si evolvono dalle spezie alla fava di cacao. All’assaggio sprigiona la sua personalità con un ingresso in bocca dinamico, dalla tessitura finemente vellutata e con una bella verticalità. Nonostante la consistenza importante, non si avverte mai la sensazione di peso, ma il sorso è sereno, armonioso, sospeso, che pare sfidare il tempo e si chiude in un finale interminabile.

Giancarlo Tommasi, Enologo.

De Buris 2009 è stato prodotto in 6739 bottiglie e 248 magnum.

 

Scheda Tecnica

Appassimento

L’Amarone De Buris, prima di essere un vino è soprattutto un metodo.

Tutto ruota intorno all’appassimento, reso possibile dalle spesse bucce delle uve autoctone e necessario per concentrare e sublimare i loro aromi. Centodieci giorni di appassimento, anche in questo caso un Tempo che doniamo alle uve e che ci tornerà moltiplicato nel bicchiere vestito di ricchezza, complessità e profondità.

Aspettare a volte è la parte più difficile.

De Buris 2009 è stato prodotto in 6739 bottiglie e 248 magnum.

Scheda tecnica


Villa De Buris

De Buris non è soltanto un vino. De Buris è un luogo incantato, una villa ricca di storia e arte le cui radici affondano in epoca Romana. Villa De Buris custodisce duemila anni di storia della Valpolicella:
Qui il progetto De Buris ha trovato lo spazio ideale dove crescere e trasformarsi.

Ci sono luoghi che palpitano.
Ogni punto è un respiro, un battito, mai fermo. Proprio qui, il cuore della Valpolicella Classica,
Terra che sa esprimere opere d’arte, pulsa al ritmo di nuove emozioni. Qui, le radici di un vigneto nobile, coltivato con sapiente pazienza, valorizzando un territorio già prezioso, unanimemente riconosciuto come la miglior vigna per produrre Amarone.
E qui, le radici di una visione di ospitalità in Villa De Buris,
la più antica villa veneta della Valpolicella, risalente a epoca romana
e testimone viva di arte e cultura dei secoli successivi.
In questo spazio s’innesta un ambizioso progetto, da cui Tommasi
fa partire un nuovo viaggio, per esplorare nuove frontiere.
Incontrando viaggiatori del gusto, delle emozioni, della bellezza.
De Buris, essenza di tanti “qui”, tutti quelli che si sprigionano
in un percorso che cresce e si eleva, assaporando ogni meta.
Procedendo verso tanti nuovi qui.
Dove è magico incontrarsi.


La Groletta

Eccolo il vigneto: siamo nella parte più alta del vigneto La Groletta, a 250 metri di quota, con rese molto basse è da sempre considerata una zona privilegiata per la qualità delle uve. Il posto migliore per far nascere un sogno: guardando il Lago di Garda ma protetti dai Monti Lessini, in posizione ideale, perché il microclima deve essere perfetto.
Il suolo, poi, è magro e fresco, strada maestra per raggiungere quell’ideale di qualità che ha guidato il nostro progetto.
Un percorso di crescita avviato più di vent’anni fa dalla Famiglia Tommasi, fra i protagonisti della storia dell’Amarone e della Valpolicella e che con la quarta generazione, finalmente si realizza. Tutto ruota intorno ai centodieci giorni di appassimento, un Tempo per le uve che tornerà moltiplicato nel bicchiere vestito di ricchezza, complessità e profondità, dopo cinque anni di affinamento e riposo in botti grandi di rovere di Slavonia.
«La stagione 2009 è trascorsa all’insegna del bel tempo, un’annata che resterà nella memoria del nostro territorio. Dieci anni di attenzioni costanti e ossessive, dalla vendemmia alla commercializzazione.
Dieci anni in cui ci siamo presi, di anno in anno, tutto il Tempo per capire, le uve, il vino e fare le scelte giuste per aggiungere alla grandezza dell’Amarone bevibilità e d’eleganza, per dare inizio al rinascimento sostenibile di questo vino».

Giancarlo Tommasi, enologo.

Lo straordinario non può nascere dall’ordinario.